Quanto costa un data breach nel 2020?

Il rapporto suggerisce che il costo totale medio di un data breach è aumentato in 12 dei 16 paesi, guidati dalla Scandinavia con il maggiore aumento.

Quanto costa un data breach nel 2020?
Il rapporto suggerisce che il costo totale medio di un data breach è aumentato in 12 dei 16 paesi, guidati dalla Scandinavia con il maggiore aumento.

Un rapporto sulla violazione dei dati (data breach) pubblicato da IBM Security ha rivelato che il costo totale medio di una violazione dei dati è sceso a 3,86 milioni di dollari quest’anno dai 3,92 milioni di dollari nel 2019.

Di tutti i 17 paesi e regioni studiati per il rapporto, gli Stati Uniti hanno registrato i costi di violazione dei dati più elevati al mondo con una media di 8,64 milioni di dollari, rispetto agli 8,19 milioni di dollari dello scorso anno. È seguito dal Medio Oriente a $ 6,52 milioni, in aumento da $ 5,97 milioni.

In tutto il mondo, il costo della violazione sta aumentando. La ricerca condotta dal Ponemon Institute ha mostrato che il costo totale medio di un data breach è aumentato in 12 dei 16 paesi, guidati dai paesi scandinavi con il maggiore aumento di casi.

Industrie colpite

Tra i settori, l’assistenza sanitaria ha continuato a sostenere i costi medi di violazione più elevati per il decimo anno consecutivo: 7,13 milioni di dollari, in aumento del 10,5% rispetto allo studio del 2019. È seguita dall’industria energetica con una media di 6,39 milioni di dollari. Oltre alla sanità e all’energia, solo il settore della vendita al dettaglio ha registrato un aumento del 9,2% del costo totale di una violazione. Il settore pubblico, l’istruzione e le industrie dei media hanno registrato un calo.

Il rapporto ha sottolineato che le industrie con restrizioni e normative più elevate hanno avuto più casi di violazione dei dati, suggerendo che un danno maggiore porterebbe a maggiori perdite per l’azienda.

Il rapporto ha rilevato che le aziende con sistemi di automazione della sicurezza erano più attrezzate per gestire le violazioni dei dati. Il costo totale medio delle aziende senza automazione della sicurezza è stato di 6,03 milioni di dollari, più del doppio del costo medio di una violazione dei dati di 2,45 milioni di dollari per le aziende che avevano implementato completamente l’automazione della sicurezza.

https://images.digitalguardian.com/sites/default/files/Screen%20Shot%202020-08-06%20at%203.28.40%20PM.png

Le aziende che utilizzano piattaforme di intelligenza artificiale e soluzioni automatizzate per la gestione delle violazioni è passata dal 15% nel 2018 al 21% nello studio del 2020. Ciò ha avuto un impatto diretto sul costo medio di una violazione dei dati. L’automazione ha aiutato le aziende a ridurre il ciclo di vita di una violazione di 74 giorni da 308 a 234 giorni rispetto alle aziende senza implementazione di alcuni sistema automatizzato per la sicurezza.

Tuttavia, il tempo impiegato dalle organizzazioni per identificare e contenere le violazioni dei dati non è cambiato molto. L’anno scorso, le organizzazioni hanno impiegato 279 giorni per identificare e contenere una violazione; considerando che, secondo il rapporto 2020, in media un’azienda ha impiegato 207 giorni per identificare e 73 giorni per contenere una violazione. All’interno delle industrie, l’assistenza sanitaria ha riportato il ciclo di vita più lungo con 329 giorni e il settore finanziario ha impiegato meno tempo con 233 giorni.

Secondo lo studio, quattro organizzazioni violate su cinque hanno affermato che le informazioni di identificazione personale (PII) dei clienti erano il tipo di record più compromesso. Mentre il costo medio per record perso o rubato era di $ 146 per tutte le violazioni dei dati, le PII costano alle aziende $ 150 per record compromesso.

Types of data breached

Poiché il COVID ha imposto una maggiore digitalizzazione, le organizzazioni dipendono più che mai dall’integrità e dalla disponibilità dei servizi IT. Ciò si riflette anche nel numero di aziende delle organizzazioni che hanno rappresentato quasi il 40% del costo totale medio di una violazione dei dati, aumentando da 1,42 milioni di dollari nello studio del 2019 a 1,52 milioni di dollari nello studio del 2020. Comprende un aumento del turnover dei clienti, una perdita di entrate a causa dei tempi di inattività del sistema e l’aumento dei costi di acquisizione di nuove attività a causa della reputazione ridotta.

Tipi di data breaches

Il rapporto ha anche rilevato che gli attacchi dannosi sono la causa principale delle violazioni dei dati, con il 52% seguito da errori umani o problemi di sistema. Le credenziali rubate o compromesse sono la causa più costosa dei breaches. Quasi il 20% delle aziende che hanno subito una violazione sono state violate utilizzando credenziali rubate o compromesse.

Mentre la maggior parte degli attacchi sono stati effettuati da hacker che cercavano di estorcere denaro, il danno finanziario degli attacchi da parte degli stati era maggiore. Il 53% delle violazioni nello studio del 2020 sono state effettuate da criminali informatici motivati ​​finanziariamente, rispetto al 13% da parte di attori di parte o statali. Tuttavia, le presunte violazioni “sponsorizzate dallo stato” costano in media 4,43 milioni di dollari, rispetto ai 4,23 milioni di dollari delle violazioni motivate finanziariamente.

Il rapporto tiene conto dei dati da agosto 2019 ad aprile 2020, che danno anche una piccola idea dell’impatto sul COVID.

Poiché la maggior parte dei dipendenti lavora da casa a causa della pandemia, una maggiore domanda di videoconferenze, applicazioni cloud, accesso VPN e risorse di rete pone nuove sfide al reparto IT. L’accesso al lavoro remoto aumenta la probabilità della loro esposizione a minacce e violazioni della sicurezza.

Lo studio ha rivelato che il 76% delle organizzazioni ha affermato che il lavoro da casa renderebbe molto più difficile rispondere alle violazione dei dati.

Delle organizzazioni che hanno richiesto il lavoro da remoto a seguito di COVID-19, il 70% crede che il lavoro remoto aumenta il costo di una violazione dei dati. Mentre il 76% ha affermato che aumenta il tempo per identificare e contenere una potenziale violazione dei dati.

È stato rilevato che la disponibilità di una forza lavoro remota aumenta il costo medio totale di una violazione dei dati di 3,86 milioni di dollari

Comments are closed.